Oggi parleremo di pagamenti non andati a buon fine su Sicoge.

Se non vi è già successo, prima o poi vi capiterà di essere chiamati da un creditore che voi siete sicuri di aver pagato ma che si lamenta di non aver ricevuto nulla. Statisticamente è solo questione di tempo, presto o tardi capita a tutti.

La scena si presenta così: un fornitore (o collega) che aspettava un certo importo entro una certa data vi telefona arrabbiatissimo perchè non gli è arrivato nulla. Voi cadete dalle nuvole perchè ricordate di aver predisposto l’ordinativo, aprite Sicoge ed effettivamente l’ordinativo c’è e per giunta risulta “estinto”. Ma il creditore giura che non gli è arrivato niente.

Che è successo?

Niente panico, siete semplicemente davanti ad un tipico caso di “pagamento non andato a buon fine”. Per capire di che si tratta bisogna fare un passo indietro, a come funzionano i pagamenti da parte della Banca d’Italia.

Dovete sapere che Sicoge è soltanto una gigantesca interfaccia tra Banca d’Italia (che custodisce i soldi), funzionari delegati (che sono legittimati a spenderli) e Ragionerie dello Stato/UCB (che controllano e/o autorizzano i movimenti). Ogni volta che voi predisponete un ordinativo da estinguere mediante bonifico, Sicoge lo trasmette a Banca d’Italia, che lo esegue in automatico (come si fa a richiamare un ordinativo inviato lo vedremo in un’altro articolo).

Non appena Banca d’Italia inserisce il pagamento nel circuito interbancario (vale anche per i pagamenti presso Poste Italiane) attende un messaggio di inoltro regolare. In altre parole, aspetta che l’altra banca le confermi di aver ricevuto la disposizione. In quel momento per lei i soldi sono usciti, li scalerà dal vostro ordine di accreditamento  e annoterà come ‘estinto’ l’ordinativo nella data di esigibilità che le avete indicato.

Tuttavia il fatto che i soldi siano stati trasmessi non significa che siano pervenuti al creditore! La banca del creditore infatti glieli deve accreditare sul conto corrente. L’inghippo sta proprio qui: quando capitano i pagamenti non andati a buon fine su Sicoge, significa che per qualche motivo la banca destinataria non è riuscita a perfezionare l’accredito.

Solitamente questo avviene perchè il creditore ha chiuso il conto corrente e non ve lo ha comunicato (caso classico con i colleghi), o perchè avete digitato male il numero di conto o l’intestatario così che non corrisponde con i dati che risultano alla banca, o ancora perchè per una fusione o trasformazione di banche sono cambiati i codici ABI o CAB rispetto a quelli che avete usato.

Ma allora, se per Banca d’Italia il denaro è uscito dalla nostra contabilità ma il creditore non lo ha ricevuto, dov’è finito? Ve lo spiego in questo articolo.

 

 

Per restare informati sui prossimi articoli, iscrivetevi alla newsletter!

 

Licenza Creative Commons
Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.