Il legislatore italiano si arrovella continuamente per cercare di velocizzare le procedure di appalto e uno degli ultimi provvedimenti che ha adottato è stato il c.d. “decreto sbloccacantieri” (D.L. 32-2019, convertito in L. 14 giugno 2019 n. 55) che ha semplificato le procedure per affidare gli appalti ‘sottosoglia’. Ora però interviene Bruxelles, abbassando -per la prima volta in 10 anni- le soglie comunitarie per gli appalti e vanificando in parte l’intento del legislatore italiano.

Vediamo le novità:

Le soglie comunitarie per gli appalti 2020

Dal 1 gennaio 2020 sono entrati in vigore i Regolamenti Comunitari 1827-1828-1829-1830, che stabiliscono queste nuove soglie per le varie tipologie di appalto:

  • per appalti di lavori, o per concessioni: € 5.350.000,00
  • per appalti di servizi e forniture da parte di autorità governative (allegato III Codice appalti) : € 139.000,00
  • per appalti di servizi e forniture da parte di autorità diverse: € 214.000,00
  • per appalti di servizi e forniture nei settori speciali o difesa: € 428.000,00

Essendo stabilite in un regolamento comunitario, queste soglie non devono essere recepite dal legislatore italiano e sono già in vigore. Chiaramente, si applicano agli appalti non ancora banditi.

La situazione precedente

Fino allo scorso anno le soglie erano più alte, vediamo le differenze:

2018-2019 2020
Lavori e concessioni 5.548.000,00 5.350.000,00
Servizi e forniture autorità governative centrali 144.000,00 139.000,00
Servizi e forniture altri soggetti 221.000,00 214.000,00
Servizi e forniture settori speciali o difesa 443.000,00 428.000,00

Le conseguenze

Come dicevamo, la principale conseguenza sta nel fatto che le procedure semplificate, l’esclusione automatica delle offerte anomale, il ricorso al criterio del ‘minor prezzo’, ecc., introdotte dal decreto sbloccacantieri per gli appalti “fino alla soglia comunitaria” si applicheranno ad appalti di importo inferiore rispetto allo scorso anno.

Di conseguenza, visto che alcuni uffici tecnici e progettisti esterni hanno il (brutto) vizio di ‘tarare’ i progetti in modo che l’importo a base di gara resti appena sotto la soglia, per i primi appalti dell’anno bisognerà stare ben attenti all’importo risultante dal computo metrico del progetto, dimenticando gli importi in vigore fino a un anno fa.

 

Per restare informati sui prossimi articoli, iscrivetevi alla newsletter!

Licenza Creative Commons

2 Comments

  1. L’articolo 35 del d.lgs. 50/2016 richiama soglie di rilevanza comunitaria con importi inferiori rispetto a quelli indicati nell’articolo e citati nei nuovi Regolamenti comunitari. Ad esempio per “lavori e concessioni” l’articolo 35 del codice degli appalti richiama l’importo di 5.225.000 a fronte dei 5.350.000 previsti da Regolamento; per i “Servizi e forniture autorità governative centrali” il codice nazionale prevede l’importo di 135.000 a fronte dei 139.000 previsti dai Regolamenti.
    Quali soglie devono essere considerate come efficaci? Quelle dei Regolamenti, visto che si tratta di normativa self executing, cioè che si applica all’interno dello stato membro in automatico anche senza una formale conversione in legge nazionale, o quelle del codice degli appalti in quanto più restrittive perché di importo inferiore?
    Grazie

    Veronica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.