Il 7 dicembre 2018 la Ragioneria Generale dello Stato ha emanato una circolare (la n.32-2018) che prevede un adempimento obbligatorio entro il 15 dicembre.

Visto che c’è pochissimo tempo per passare l’informazione in via ufficiale, provo a illustrarla velocemente in questo articolo. Interessate da questa impellente scadenza sono le amministrazioni statali.

In particolare, in base all’art. 44-quater della legge 31 dicembre 2009, n. 196 entro il 31 gennaio di ciascun anno, le amministrazioni dello Stato trasmettono alla Ragioneria Generale dello Stato l’elenco delle gestioni di risorse di propria titolarità su conti bancari e postali e le relative giacenze, indicando anche la norma o l’autorizzazione che ne ha consentito l’apertura.

Non rientrano nell’ambito di applicazione della norma i conti di tesoreria unica, i conti usati dalle amministrazioni statali per raccogliere fondi non destinati ad essere versati al Bilancio, gli organi costituzionali o di rilevanza costituzionale. L’ambito soggettivo di applicazione dell’art. 44-quater comprende invece le “amministrazioni statali centrali e periferiche, titolari di conti presso il sistema bancario e postale per la gestione di risorse provenienti dal bilancio dello Stato o destinate ad affluire all’entrata dello stesso, ed ai soggetti titolari di conti aperti presso il sistema bancario o postale sui quali sono depositate risorse assegnate per la gestione di specifici interventi svolti per conto di amministrazioni dello Stato”.

Ebbene, fino ad oggi le comunicazioni previste dall’art.44-quater avvenivano via PEC. Il MEF ha ora creato un portale, denominato “COAS”, appositamente per questo adempimento.

La circolare 32 prevede un censimento di tutte le amministrazioni pubbliche entro il 15 dicembre 2018:

  • Le amministrazioni che non hanno gestioni aperte presso il sistema bancario e postale ai sensi dell’articolo 44-quater, devono comunicare a assistenza.cp@mef.gov.it di non avere alcuna gestione aperta.
  • Le amministrazioni che hanno una o più gestioni aperte devono compilare il file excel allegato alla circolare (con i dati del funzionario delegato e dei soggetti che useranno COAS) e trasmetterlo, sempre ad assistenza.cp@mef.gov.it In seguito il MEF trasmetterà loro le credenziali per accedere a COAS.

Considerato che la mancata trasmissione delle informazioni sulle gestioni bancarie e postali rileva ai fini della valutazione della performance individuale dei dirigenti e comporta responsabilità dirigenziale e disciplinare ai sensi degli artt. 21 e 55 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, conviene adempiere scrupolosamente a questo censimento, fosse anche solo per inviare la comunicazione negativa!

 

Per restare informati sui prossimi articoli, iscrivetevi alla newsletter!

Licenza Creative Commons
Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.