Segue da: La manutenzione straordinaria di un cespite su Sicoge

Stiamo esaminando la procedura da seguire per gestire la manutenzione straordinaria di un cespite su Sicoge, e siamo arrivati alla fase di capitalizzazione del costo. Come dicevo, prima di tutto dobbiamo verificare se il cespite su cui avviene la manutenzione esiste: (contabilità economico-patrimoniale-cespiti-anagrafica, “Interrogazione”)

Supponiamo che il cespite che desideriamo esista in realtà ma non esista su Sicoge (caso normalissimo di edificio costruito prima della nascita di Sicoge).

C-1) Creazione del cespite

Prima di poter capitalizzare il costo dovremo creare il cespite: andiamo in Contabilità economico-patrimoniale-Cespiti-Anagrafica-Registrazione

Nella maschera che compare, dovremo compilare TUTTI i campi gialli e fare attenzione a: scegliere il centro di costo, poi spuntare “bene composito-universalità”, inserire “0,01” nell’importo e scegliere “trasferimenti” come scrittura contabile.

Questo perchè stiamo registrando un acquisto fittizio, è come se qualcuno ci avesse donato un bene del valore di un centesimo (non chiedete a me perchè non si siano inventati una cosa più aderente alla realtà). Per questo dovrete anche indicare un fornitore a caso tra quelli esistenti.

Le date sono importanti, devono precedere la fattura che volete capitalizzare.

Clicchiamo quindi “cerca evento”. Trattandosi di un edificio, scegliamo “beni materiali”

Una volta data la conferma dovremo indicare se il cespite è un bene mobile o immobile (in genere è un immobile, ma non sempre!)

quindi cliccando “inserisci riga” si aprirà la solita maschera che conosciamo per la partita doppia. Clicchiamo “Cerca conto”

e scegliamo dalla lista ciò che più si adatta alla nostra situazione…

quindi clicchiamo Conferma. Sicoge ci riporta alla maschera della partita doppia, ma attenzione, come noterete rispetto a prima c’è una novità: è rimasto compilabile solo l'”importo in dare”. Scriviamo il nostro 0,01 e inseriamo la riga.

Come vedete, la partita doppia non c’è, una riga ha un importo e l’altra non ce l’ha.

Dovremo allora mettere il pallino sulla riga senza l’importo e scegliere “Varia riga”. Si aprirà la maschera che conosciamo, ma stavolta sarà compilabile solo l'”importo in avere”.

Scriviamo il nostro 0,01 e confermiamo con “varia riga”. A questo punto la partita doppia è a posto e potremo finalmente dare “registra e contabilizza” (due volte, ignorando eventuali messaggi di errore dopo il primo clic).

Il cespite è stato creato e si può procedere alla capitalizzazione nel modo ordinario.

 

Lo schema della procedura descritta in questo articolo è disponibile alla pagina Schemi e modelli

 

 

Per restare informati sui prossimi articoli, iscrivetevi alla newsletter!

Licenza Creative Commons
Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.