Abbiamo visto altrove come chiedere lo “smartcig”. Quando l’importo stimato dell’appalto supera i 40.000 euro, però, non è possibile richiedere il cig in modalità semplificata; bisogna invece utilizzare la procedura ordinaria, ossia la piattaforma SIMOG, sempre gestita da ANAC.

Dato che questo sistema è molto complesso ed abbraccia le casistiche più varie, inizio col descrivere uno dei casi più semplici, ossia come chiedere un cig su SIMOG per l’adesione a una convenzione CONSIP (negli esempi che farò considero la fornitura di gas metano, ma questo iter vale anche per l’elettricità). Le lunghe maschere che compaiono possono spaventare, ma vedrete che è sì una procedura con molti passaggi, ma non è assolutamente complicata, basta solo sapere cosa cliccare.

Trattandosi di una convenzione, il nostro CIG dovrà essere legato al cig della gara svolta da Consip (sarà cioè un cig “derivato”). Per prima cosa quindi annotiamo il CIG ‘padre’, del lotto di convenzione a cui stiamo aderendo. Rechiamoci poi sul sito ANAC e invece di scegliere Smartcig clicchiamo sul link subito sopra, quello che porta a SIMOG. Le credenziali da usare sono quelle solite per l’accesso al sito ANAC (quelle del profilo RUP).

Creazione della gara

Una volta entrati clicchiamo “Gestione schede”, poi “Crea nuova gara”.

La pagina che si apre è simile a quella dello smartcig (e dovremo compilarla nel modo abituale), salvo che per la parte sotto, questa:

In questa maschera è importantissimo inserire il cig “padre” della convenzione a cui si aderisce, SIMOG si collegherà al sito Acquistinrete e preleverà alcuni dati per noi (che ritroveremo in una maschera più avanti).

I dati che non conosciamo (tipo procedura gara) dovremo estrapolarli dal sito Acquistinrete, in particolare dalla convenzione/guida alla convenzione.

ATTENZIONE: per “numero lotti” si intendono i NOSTRI lotti, non quelli della convenzione consip! Se anche la convenzione ha 8 lotti ma noi aderiamo solo a uno, dovremo scrivere 1.

Per una convenzione per utenze gas metano con un solo lotto io la compilo così:

 

E’ importante ricordarsi di selezionare settori speciali perché con questa scelta si può escludere Avcpass e avere meno schede da compilare. Salviamo e clicchiamo “Inserisci gara”.

Creazione del lotto

In questo modo la nostra gara è stata creata. Si apre da sola una pagina, in cui dovremo cliccare “Aggiungi lotto”.

Si apre una lunghissima maschera in cui la scelta del contraente la mette in automatico il sistema. Noi dovremo inserire: oggetto, importo, cpv, “oggetto principale” (lavori/servizi/forniture), se è escluso o no…

il luogo di esecuzione in termini istat/nuts (uno solo dei due campi!), se rientra in uno strumento di programmazione o no (se sì dovremo inserire gli estremi), se è la ripetizione di precedente contratto, se c’è un CUP o no (in caso affermativo lo dovremo aggiungere)…

infine, dovremo mettere un pallino in Categoria prevalente o scorporabile nella riga “fornitura di beni” (ricordo che in questo esempio parliamo di gas metano)

Tutti gli altri campi di questa lunghissima maschera sono facoltativi, alcuni sono da compilare a seconda delle scelte compiute.

Cliccando “Salva” il sistema ci rilascerà il codice CIG.

Il “perfezionamento”

A differenza della procedura smartcig, in cui una volta ottenuto il codice non c’è altro da fare, su SIMOG ci sono molti altri passaggi da eseguire. Nel nostro caso, trattandosi di adesione a una convenzione, sono ridotti.

Il primo è il “perfezionamento” della gara. Nella pagina che si è aperta al momento del rilascio del CIG, selezioniamo la linguetta “gestione dei requisiti”.

e clicchiamo l’ultimo pulsante in basso, “conferma requisiti”,

Fatto questo, tornati alla linguetta “Info gara e lotti” verso metà pagina cliccheremo “perfezionamento gara/lotti”

Si aprirà questa schermata:

Dovremo inserire SOLO la data di adesione all’accordo poi cliccare “Procedi”. In questo modo, la gara sarà perfezionata.

L'”aggiudicazione”

Dal giorno seguente diventeranno accessibili le restanti schede da compilare (tranquilli, il più è fatto). Per i settori speciali l’unica scheda da compilare è quella dell’aggiudicazione e non c’è altro.

Rientriamo in SIMOG e da Gestione schede cerchiamo la nostra gara. Clicchiamo quindi il pulsante “Crea scheda” accanto al lotto creato ieri:

Si apre una pagina in cui osserviamo che in basso lo “STATO” della scheda è “inesistente”.

I dati da inserire obbligatoriamente sono molto semplici, essenzialmente: tutti i pallini (dove c’è sì/no è sempre obbligatoria una scelta), la durata della convenzione in giorni e -importantissimo- l’esito della procedura, che deve essere “aggiudicata”. Fatto questo clicchiamo salva.

Fatto questo, in basso “stato” diventa così “in definizione”.

Clicchiamo “Conferma” e lo stato cambierà ancora e diventerà “CONFERMATO” e comparirà questa videata, in cui dovremo cliccare su “Aggiungi nuova adesione”.

Compare una maschera con molti campi già precompilati, tra cui i dati della ditta che ha vinto la gara Consip (ricordate che vi avevo detto che li avrebbe estratti da solo il sistema?) Noi dovremo indicare obbligatoriamente l’importo di adesione…

poi cliccare su “Aggiungi incaricato” (è obbligatorio indicare almeno un soggetto legato all’appalto)

quindi cercare la persona in rubrica (col codice fiscale è la cosa migliore) e scegliere il suo ruolo dalla tendina. Le alternative disponibili sono queste:

quindi cliccheremo “Aggiungi”. Salviamo poi clicchiamo “Conferma”

La scheda mostra questo messaggio:

Il nostro lavoro per il momento è completato.Dovremo tornare su SIMOG solo a convenzione conclusa.

Le tre opzioni in alto sono:

  • Mostra dati comuni, che mostra quanto appena inserito.
  • Avviso di aggiudicazione, che serve per inserire gli eventuali dati di pubblicazione (se avvenuta) dell’avviso di aggiudicazione su GU quotidiani, ecc.
  • Lista adesioni, che serve per vedere le aggiudicazioni inserite

La conclusione

“Lista adesioni” è importante perchè torna in gioco quando la convenzione si conclude: col menu a tendina posso infatti rientrare nella scheda adesioni per eventuali modifiche, altrimenti selezionando “conclusione” si aprirà la scheda “Conclusione”

che dovremo compilare quando la convenzione arriva al termine; questa scheda serve infatti a comunicare che si sono concluse le prestazioni, o se c’è stata una risoluzione anticipata.

Ricordiamoci di compilarla, altrimenti sembrerà che la convenzione prosegua indefinitamente.

 

Per restare informati sui prossimi articoli, iscrivetevi alla newsletter!

Licenza Creative Commons
Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.

One Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.